Benvenuto

BENVENUTI!!!!!

Carissimi, la nostra diocesi in questo anno vuole farci riflettere e approfondire l’ambito della liturgia (Celebrare la Speranza). Memori delle nostre belle celebrazioni nei pellegrinaggi  lo vogliamo studiare e approfondire anche noi.

Le celebrazioni sono la nostra espressione di fede e di amore verso Dio e perché non siano solo un rito hanno bisogno di un’anima. di sentimento. L’anima e il sentimento che hanno tanti nostri pellegrini, tanti malati e personale dell’Unitalsi. Per questo però abbiamo sempre bisogno di vivere quello che celebriamo. Non basta celebrare, ma occorre essere sinceri con Dio e con gli altri. La celebrazione va poi calata nella vita altrimenti è vuota. La vita stessa deve diventare un continua celebrazione. Dio che legge anche dentro di noi ci aiuti con il suo Spirito a celebrare e vivere così.

Maria Immacolata sia il nostro esempio, la nostra guida, il nostro sostegno. Buon cammino.

Don Franco Pranzetti (Assistente Ecclesiastico)

  

 

 Cari amici, volontari, ammalati e pellegrini, quest’anno è l’ANNO di BERNADETTE. Nel 2019 ricorrono, infatti, il 175° anniversario della nascita di Bernadette (07.01.1844) e il 140° della sua morte (16.04.1879). Anche il Tema Pastorale scelto dal Santuario di Lourdes: “Beati i poveri. Non le prometto di renderla felice in questo mondo, ma nell’altro” (18.02.1858) vuole far focalizzare l’attenzione di ciascuno di noi sulla figura di Bernadette o meglio sul cammino che Maria ha proposto a Bernadette. Un cammino di Pasqua, un cammino in cui ciascuno “si lasci spogliare, sgombrare, impoverire per aprirsi alle ricchezze del dono di Dio”. Vogliamo allora con forza fare nostro questo invito facendoci guidare nel servizio ai malati o nel pellegrinaggio dalle parole e dai gesti di Bernadette. La Beata Vergine di Lourdes ci accompagni. Buon pellegrinaggio.

Vincenzo Cannelli (Presidente di Sottosezione)

 

 

 

I commenti sono chiusi.